La De Simone Consulting s.r.l. in collaborazione con la ENstudio – laboratorio di architettura vi comunica l’inizio del primo cantiere, nel comune di Baronissi, per opere di EFFICIENZA ENERGETICA, incentivate con il SUPERBONUS 110% come previsto dalla legge n.77 del 17 Luglio 2020.

Per maggiori informazioni non esitate a contattarci.

Il bando INAIL ISI 2021 si rivolge alle imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura e gli Enti del terzo settore.

La misura sostiene le imprese nella realizzazione di progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, e incoraggia le micro e piccole imprese, operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli, all’acquisto di nuovi macchinari e attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti.

L’INAIL attraverso il bando ISI cerca di incentivare le imprese, attraverso contributi a fondo perduto, a realizzare progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

274 Milioni di euro a fondo perduto.

Per sostenere i progetti che si candideranno al bando ISI INAIL 2022, l’Istituto ha stanziato 274 milioni di euro a fondo perduto.

Interventi agevolabili

Sono finanziabili le seguenti tipologie di progetto:

  • Progetti di investimento
  • Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale
  • Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (MMC)
  • Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto
  • Progetti per micro e piccole imprese del settore rifiuti
  • Progetti per imprese operanti in agricoltura

Le imprese possono presentare un solo progetto riguardante una sola unità produttiva per una sola tipologia di progetto tra quelle sopra indicate in una sola Regione o Provincia Autonoma.

Spese non ammesse al finanziamento

  • acquisizioni tramite locazione finanziaria (leasing)
  • acquisto di beni usati
  • altre spese specificatamente indicate nel bando

Termini di realizzazione del progetto.

Entro un anno dall’approvazione del progetto

Le novità introdotte nel nuovo Bando ISI.

Tra le novità rispetto al bando precedente ci sono tre nuove tipologie di progetti d’investimento finanziabili che riguardano:

  • la riduzione del rischio incendio, mediante l’adozione di sistemi di prevenzione o protezione;

  • riduzione del rischio infortunistico, attraverso l’acquisto e l’installazione di dispositivi di protezione per il rilevamento automatico delle persone e di barriere per protezione da macchine fisse e semoventi;

  • la riduzione del rischio radon, grazie alla realizzazione di opere edili e di sistemi di ventilazione per piani terra, seminterrati e interrati nei quali sia presente questo gas.

Agevolazione prevista dal Bando ISI Inail 2021

Il finanziamento in conto capitale è calcolato sulle spese ritenute ammissibili al netto dell’IVA, in base alla tipologia di progetto.

65 % a fondo perduto

Importo Minimo 5’000,00 euro Massimo 130’000,00 euro

Per i progetti Settore rifiuti
Importo Minimo 2’000,00  euro Massimo 50’000,00 euro

SETTORE AGRICOLTURA

50% a fondo perduto per i giovani agircoltori

40% a fondo perduto per la generalità delle imprese agricole

Importo Minimo 1’000,00  euro Massimo 60’000,00 euro

Modalità d’assegnazione

Bando a prenotazione telematica (click day) con soglia minima di ammissibilità, pari a 120 punti.

Cumulabilità con il Bando INAIL

Contributo assegnato in “regime de minimis”

NON cumulabile con altri finanziamenti pubblici sul progetto oggetto della domanda

CUMULABILE con benefici derivanti da interventi pubblici di garanzia sul credito

Calendario scadenze ISI 2021
Apertura della procedura informatica
per la compilazione della domanda
2 Maggio 2022
Chiusura della procedura informatica
per la compilazione della domanda
16 Giugno 2022
entro le ore
18.00
Download codici identificativi
dal 23 Giugno
2022
Regole tecniche per l’inoltro della domanda online e date dell’apertura dello sportello informatico
12 Settembre
2022
Pubblicazione elenchi cronologici provvisori Entro 14 giorni
dall’apertura
dello sportello
informatico
Upload della documentazione
(efficace nei confronti degli ammessi agli
elenchi pena la decadenza della domanda)
Periodo di apertura della procedura
comunicato con la pubblicazione degli elenchi cronologici provvisori
Pubblicazione degli elenchi cronologici
definitivi
Alla data comunicata
contestualmente alla
pubblicazione degli
elenchi cronologici
provvisori

Per garantire la massima attenzione gestiremo un numero limitato di pratiche. Per maggiori informazioni non esitate a contattarci.

Pre valutazione gratuita.


Siamo lieti di comunicarvi che la De Simone Consulting s.r.l.s., ha stipulato una convenzione con la società Michelangelo s.r.l., con l’obiettivo di offrire un servizio formativo sempre più completo ed il linea con le esigenze del mercato .

Il cappotto termico rappresenta un intervento principale nel settore dell’efficientamento energetico di un edificio, sia per la riduzione dei consumi sia come forma alternativa di riscaldamento invernale.

Cosa si intende per sistema a cappotto termico?

Il sistema di isolamento più performante per realizzare nuovi edifici a basso consumo energetico e ideale per l’efficientamento di immobili in fase di ristrutturazione.

Conosciuto anche come sistema di coibentazione e isolamento termico, sia per la riduzione dei consumi sia come forma alternativa di riscaldamento invernale.

 La norma UNI 11716 definisce i requisiti relativi alle abilità e competenze dell’attività professionale del posatore di cappotti termici.

La norma prevede due livelli:

  • base
  • capo squadra

 Per rispondere ai requisiti della UNI 11716, la Michelangelo ha previsto un percorso di formazione    preparatorio finalizzato al superamento dell’esame di certificazione professionale.

L’accesso alla certificazione prevede il possesso di determinati requisiti per i diversi livelli e di seguito descritti.

  • Per il livello base
    conoscenza della lingua italiana
    esperienza professionale di 4 anni
  • Per il livello di capo squadra
    Aver superato il livello base
    Esperienza lavorativa di almeno 1 anno come capo squadra.

Cosa prevede l’esame per la certificazione UNI 11716?

L’esame prevede tre prove: la prima è scritta con test a risposta multipla, la seconda è pratica di simulazione posa in opera e la terza è orale di approfondimento e conferma delle competenze raggiunte.

Durata e modalità

Il corso di formazione prevede 12 ore di formazione, fruibili sia in aula frontale che in modalità video conferenza, a cui va aggiunta la sessione di esame e certificazione della durata di 8 ore presso la sede della società Michelangelo srl ( Via Micco n°7 Somma Vesuviana “NA”) svolta in presenza.

Programma del corso

  • Introduzione e importanza della certificazione
  • Il decreto cura Italia: bonus e detrazioni
  • Quadro normativo di riferimento: la 11715 e la UNI 11716:2018
  • Abilità e competenze
  • Progettazione e realizzazione di un sistema a cappotto
  • Organizzazione del cantiere: materiali e attrezzature
  • Le fasi di un sistema di posa
  • Costi e problematiche connesse ad una cattiva installazione

Per info e contatti:

  • Chiamaci pure allo: 089.94.84.279
  • Inviaci una mail a : info@desimoneconsulting.it

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato nuove Ordinanze sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia (DM 30 aprile 2020), che si è riunita l’8 gennaio 2021.

Le Ordinanze, che saranno in vigore da domenica 10 gennaio 2021, collocano in area arancione le Regioni Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto. Complessivamente, quindi, la ripartizione delle Regioni e Province Autonome nelle aree gialla, arancione e rossa è la seguente, a partire da lunedì 11 gennaio:

AREA GIALLA: Abruzzo, Campania, Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia autonoma di Trento, Puglia, Sardegna, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta.

AREA ARANCIONE: Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto.

AREA ROSSA: (nessuna Regione).

Dal 7 al 15 gennaio 2021 è vietato, nell’ambito del  territorio nazionale, ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, salvi gli  spostamenti  motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di  necessità  ovvero per motivi di salute.

E’ comunque consentito il rientro alla  propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione  degli  spostamenti verso le seconde case ubicate in altra regione o provincia autonoma.

Si ricorda che per l’addestramento e la formazione alla conduzione dei carrelli elevatori gli RSPP interni all’azienda possono svolgere esclusivamente la formazione relativa ai moduli giuridico e tecnico se con esperienza almeno triennale, come indicato nell’Accordo Stato Regioni

Per quanto concerne il rilascio di attestati di formazione è necessario rivolgersi ai soggetti abilitati, come la nostra struttura

Per qualsiasi info non esitate a contattarci

L’agevolazione prevede un contributo a fondo perduto, sottoforma di credito d’imposta ,per l’acquisto di beni strumentali nuovi (macchinari, impianti e attrezzature) da destinare a strutture produttive localizzate nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia.

  • Il contributo a fondo perduto è pari al 45 per cento dei costi sostenuti per le piccole imprese, 35 per cento per le medie imprese e 25 per cento per le grandi imprese .
  • Per gli investimenti effettuati mediante contratti di locazione finanziaria, si assume il costo sostenuto dal locatore per l’acquisto dei beni.
  • Il credito d’imposta compete sugli investimenti realizzati a decorrere dal 1° Marzo 2017 e fino al 31 Dicembre 2020, connessi ad un progetto di investimento iniziale. L’incentivo è cumulabile con la legge Sabatini Ter.
  • Sono esclusi dal beneficio i soggetti che operano nei settori dell’industria siderurgica, carbonifera, della costruzione navale, delle fibre sintetiche, dei trasporti e delle relative infrastrutture, della produzione e della distribuzione di energia e delle infrastrutture energetiche, nonché nei settori creditizio, finanziario
  • Sono ammesse tutte le spese inerenti l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature varie destinati a strutture produttive già esistenti o che vengono impiantate nel territorio

Per maggiori informazioni non esitate a contattarci